95. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Bologna (BO), 19 maggio 1507

Mag.ca ac generosa Domina et Mater honor. [1] A questi dì io scrissi a la M.V. del mio andare a Genova; cussì me partì', e poi ch'io fui un pezzo inanti, mi è bisognato voltare, intendendo che la M.tà del re andava a Milano. Cussì sono qui a Bologna. Dimane, piacendo a Dio, serò a Modena. La stanza mia a Milano non so quanto serà: nel ritorno penso ogni modo de vedere la M.V., secundo che le cose serano disposite.
[2] Io mi metto gran pensiero andar a Milano senza denari, dove sono li Vismari, e 'l R.mo Card.le Est. Per tanto io ho scritta la qui alligata a Carlo da Castilione, pregandolo ch'el voglia dare quelli trecento duccati a la M.V., avegna che non habia anchor hauto la risposta da monsig.r de S. Marco: perché ogni modo io credo ch'el serà contento. [3] Pur anchor quando el non fosse, vorei però esser servito, sì che prego la M.V. a far ogni opera, cum tutti li modi, aciò che questi denari se habiano, perché io me terria tropo contento se potesse satisfare al Car.le, quale serà lui anchora a Milano, et a li Vismari. E potendosi havere, vorei che la M.V. me li facesse subito remettere a Milano, o vero mandarmeli per persona fidata e discreta.
[4] Io non mancho però de sollicitare el S.r Duca, e già ge ne ho scritto due volte. E s'io havesse saputo de venire a Milano, ogni modo harei fatto tanto del importuno, che forsi li harei portati meco. Se la M.V. pò mandarmeli, la mi farà cosa sopra modo grata; e poi torremo quelli che se haveranno dal S.r Duca, che ogni modo se haveranno presto, e faremone quello che havea designato la M.V. fare de questi.
[5] Mando questa aperta inclusa, aciò che la M.V. la vedi, e parendoli che la stia bene, la dia: io li scrivo cussì un poco amorevolmente per farlo venire via. Non so s'el mi gioverà. A la M.V. sempre di core mi racomando, et a tutti li nostri.
Bononie, 19 Maij MDVIJ.
De V. M.
Obe. Fi.
B. C. ||

Mag.cae ac generosae dominae Aluisie de Castiliono, Matri suae honor. Mantuae


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 87.