8. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Castiglione Mantovano (MN), 27 febbraio 1500

Mag.ca ac generosa Domina et Mater honor. [1] Mando Andrea cum el mulo per tòre quello pane, che scripsi heri a la M.V. e quelle altre cose se saranno aperechiate; mando un pocho de pescharia che me fu donata heri sera. Io ho mandato questa matina Spagnolo a Bressa per quella benedetta coracina; non so como farà, s'el la potrà havere.
[2] Carlo cum una sua lettera me domanda Francischo da tagliare in tavola dominica per parte de M. Ludovico. ‹Io› ge rescrivo che ge lo mandarò, e ge rescrivo ch'el voglia dir a M. Ludovico ch'el domandi al S.re cussì como da lui ch'el sia contento ch'io venga a Mantua per quelli tri dì. Credo ch'el S.re lo farà voluntiera: che ogni modo questo pocho tempo non importa al mio star qui, et io ho gran desiderio de vegnirge.
[3] Prego la M.V. voglia mandarme un pocho de sale, e un pezo de cervelato. Sebastiano prega la M.V. che voglia mandargli mezo peso de pelo de borra, da empir una sella, che maestro Giohanne sa ben lui dove el se vende. S'el paresse anchor a la M.V. de mandarme un pezoletto de carne salatta, seria contento.
A la M.V. mi racomando.
Castioni Mantuani, die XXVIJ, MD.
Vester Filius
Baldesar de Castigliono ||

Mag.ce ac generosae Dominae Aluisiae de Castigliono, Matri sue honor. Mantuae


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 4.