79. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Lione (Francia), 20 settembre 1506

Mag.ca ac generosa Domina et Mater honor. [1] Avegna ch'io non sapia come presto o tardi sia per venir questa lettera a la M.V. pur scrivo, facendoli intendere come io ho hauta la sua portata per Francescho, el qual me ha agionto qui a Lione, dove hor sono, sano per la Dio gratia, e sono stato fermo quatro giorni per lassar reposare li cavalli, che haveano pur un poco temuto el passar de' monti. Domatina piacendo a Dio me partirò per el camino nostro.
[2] Credo che la M.V. habia hauto una mia lettera portata per Scaramella, et insieme un ventaglio, per M.a Francescha: per questa non replicarò le cose scritte in quella. Me piace assai che M. Thomaso nostro stia bene, e dolmi de M. Iacomo assai e de M.a Polisenna: bisogna che anchor loro portino in pace li despiaceri inevitabili.
[3] Io non so che cosa de qui scrivere a la M.V. de le cose che di là accaddino. La non se ne pigli affanno alcuno: che se la fortuna è cussì mutabile come se dice, a nui sta aspettar hormai qualche prosperità.
Io mi racomando infinitamente a la M.V., el medemo fanno tutti questi nostri, e la sup.co che la voglia sforzarsi star sana, e racomandarmi a tutti li nostri, max.e a sor Laura.
In Lione, 20 Septembris MDVJ.
De V. M.
Obed.mo Fi.
Ba. Casti. ||

Mag.cae ac generose domine Aluisiae de Castiliono, Matri suae honor. Casatici


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 70.