5. Castiglione, Baldassarre / Tosabezzi, Francesco a Gonzaga, Francesco

Castiglione Mantovano (MN), 24 febbraio 1500

Ill.mo et Excellentiss.mo S. nostro. [1] Questa matina siamo stati avisati da persona che dice haver visto, che heri venne a Nogaroli una littera che comanda quelli homini che faciano provisione per far alogiamenti de legname a la campagna per cinquecento stratiotti. E cussý quelli homini hanno cominzo a partir questa spesa, e aspettano oltra de questo, la gente d'arme che gli era designata d'hora in hora.
[2] Questo medemo messo n'ha fatto intendere che heri, Bertholameo dal Viano venne un pezo drieto al Tione sopravedendo, per fin a Villa Francha: e essendo a Bagnolo disse publicamente a quelli homini che intendessino ci˛ che se facea dal canto di qua: che se nui mettÚvemo uno cavallo, lui ne metteria dui, e se nui facÚvemo un bastione, lui ne faria dui. [3] E como dice questo medemo, ditti homini da Nogaroli hanno comandamento de andar subito a Verona, e t˛re legnami et asse per far alogiamenti per questi stratiotti, cadauno per la rata sua.
De questo n'Ŕ parso darne aviso a la Excellentia Vostra, a la quale continue se racomandiamo.
Castioni Mantuani, die XXIIIJ║ Februarij MD.
E. D. V.
Fidelissimi Servitores
Baldesar de Castigliono
Franciscus de Tosabecis ||

Ill.mo et Excellentiss.mo Principi Domino Domino Francisco de Gonzaga, Marchioni Mantue ac domino nostro Singulariss.mo. Mantuae


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Gonzaga, busta 2455, c. 454.