41. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Roma (RM), 9 febbraio 1505

Mag.ca ac generosa Domina et Mater honor. [1] Se la M.V. numerarà le lettere mie, le quale lei ha haute dapoi ch'io sono a Roma, credo che la troverà che sono molto più, che non quelle ch'io ho haute da lei: che non è se non una, ciò è quella che portò Francescho. Cussì per acrescere el numero, scrivo anchora questa, avegna che poco prima ne habia scritta un'altra, mandata per Bastian del Reame, staphero.
[2] Per questa non ho altro di novo, se non che tutti siamo sani, per la Dio gratia, e desideramo saper el medemo de la M.V. e de tutti li altri nostri, e sapere qualche cosa di là da casa. [3] Qui, chi ha denari assai, è riccho. Saprei voluntieri qualche particularità de le nostre. Quello de ch'io habia bisogno V. M. lo sa, però non replico. [4] A la M.V. sempre mi racomando.
Romae, VIIIJ Februarij MDV.
De Vostra M.
Ob. Fig.
Bal. Casti. K. ||

Mag.ce ac generosae Dominae Aluisiae de Castigliono, Matri sue honor. Mantuae


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 31.