37. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Roma (RM), 22 gennaio 1505

[1] Mag.ca ac generosa Domina et Mater honor. Perché so che la M.V. ha caro haver mie lettere, mi sonno mosso a scrivere, havendo questo cavallaro nostro, avegna ch'io non habia cosa nova alcuna. Nui siamo tutti sani, excetto che Smiraldo qual se ha sentito un poco di male: pur spero non serà niente. Le cose di qua, la M.V. debe haverle intese in parte dal Co. Ludovico nostro: però non mi extenderò altramente a nararle.
[2] Qui a Roma da quatro dì in qua, è tirato un vento frigidissimo: prima era una tanta temperie che per tutta Roma erano de le rose come di maggio. Molte maschare si fanno per Roma: questi Sig.ri Cardinali, e prelati, non ne lassano uncia. Credo che anchor a Mantua se facia pur cussì, e meglio: io per me de queste, non me ne piglio molto apiacere.
[3] Nui aspettiamo el Co. Lud. cum devotione, e speranza, de bone cose assai, ma temo che forsi anchor lui se lassarà vincere da quelle piacevole feste che se fanno, e se aparechiano de farsi, in modo ch'el si scorderà venir più in qua; s'el haver invidia, o vero agurarsi quello che non se ha, valesse, io haria del bene assai: non serò più longo.
[4] Io ho grand.ma sete d'haver lettere da casa, che poi ch'io partì' da Ferrara, mai ne ho hauto niuna, né pur hauto risposta de le ultime ch'io scrissi da Ferrara; sì che suplico a la M.V. che mi voglia scrivere, de le cose nostre particulari, e pregar M. Thomaso nostro e M. Francesco e M. Aluiso da Gonzaga che me scrivino, e non guardino a la mia infinita dapochagine. [5] Che se ben io fosse suo debitor de qualche lettera, dapoi ch'io ho basato el pede al papa, sono absoluto da ogni obligatione, de le cose passate. La M.V. se dignarà racomandarme a tutti a tutti li amici nostri, senza nominarli ad uno ad uno, in specie a sor Laura, et al Mag.co M. Iacomo Boschetto.
A la M.V. sempre mi racomando: el simile fa M. Cesare nostro.
Romae, XXIJ Ianuarij MDV.
Lettere de Hyeronimo non aspetto, perché so ch'el deve esser occupato in maschararia.
De V. M.
Ob. Fig.
Bal. Castig. ||

Mag.ce ac generosae Domine Aluisiae de Castigliono, Matri suae honor. Mantuae


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 27.