33. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Ferrara (FE), 7 dicembre 1504

Mag.ca ac generosa Domina et Mater honor. [1] Per Spagnolo ho hauti li denari che me scrive la M.V. Vero è ch'io aspettavo anchora cum grand.ma devotione quelle altre robe, per haverne grand.mo bisogno, maxime per questa andata di Roma: che s'io vorò andarli, bisogneràmi portar quella zamarra de pellizza descoperta, a cavalchare, la quale è homai frusta e rotta. [2] La M.V. se pensi mo' che honorato habito serà quello, in compagnia de tanti zentilhomini. De provedermene ad Urbino non li vedo modo, che non ce n'è: e s'el ce ne fosse, io non harei modo de comprarlo. E tanto più mi doglio de la disaventura nostra, che ad altri se habia credito, et a nui no, quanto che so che molti sono più bosadri de nui, e pur a lor si crede. [3] Sia come si vole, io sto tra el sì e 'l no, del andar o non andar a Roma: ch'io tropo malvoluntiera patischo vergogna. E certo se non fosse stato grand.mo bisogno, non l'harei dimandato: e so che se la M.V. se racorda che habiti ho da cavalchare, la conoscerà ch'io dico el vero.
[4] Non voglio multiplicar più in queste parole, perché so certo che la M.V. ha grand.ma tristezza non potermi compiacere, e maxime de quelle che son necessariissime: e non dubito niente che la non habia fatto el possibile, e credo che la si doglia assai ch'io me ne pigli tanto despiacere. [5] Per questo non vorei parlarne tropo: pur non ho potuto far che non mi sfoghi un poco cum la M.V. perché me ne atristo assai, e vorei spesso esser nato de condicione da potermi contentare d'esser barbero, o calzolaro, che per mia fé seria mancho male. Non più di questo.
[6] Non so delliberare quello che m'habia da fare. Pur aspettarò anchor fin a la venuta del Sig.r Zhoanne: se forsi quelli che non hanno voluto servirme, se mutassino d'opinione, venendo lui, o qualche altro, che potesse portare, seria anchor a tempo. Se non, andar a Roma cussì, non voglio, per niente, né habito ho che mi potesse aconzar a quel proposito, se non guastasse uno de quelli che seria pacìa.
A la M.V. sempre mi racomando: el simile a tutti gli altri nostri. Luni prox.o indubitatamente mi parto per Urbino piacendo a Dio.
Ferrarie, 7 Decembris MDIIIJ.
Di V. M.
Ob. Fili.
B. C. ||

‹Mag.ce› ac generose Domine ‹Al›uisiae de Castigliono, Matri ‹sue› honor. Mantuae


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 23.