3. Castiglione, Baldassarre a Furlani da Gonzaga, Enea

Mantova (MN), 20 dicembre 1499

Magnificentissimo Cavaliere mio. [1] Accadendo ad Aurelio lator presente qual è mio e parente et amico, cercar de otegnire da la Excellen.tia del Signore, uno officio qual haveva Zan Zorzo da Concorezo, qual è manchato, e per esser io desideroso ch'el ottegna l'intento suo, cum fiducia lo ho adrizato da la Mag.cia Vostra; e prego quella per amor mio voglia operare el possibile cum la Excellentia del S.re aciò che esso Aurelio consegua quello che desidera. [2] E s'io dubitasse che la Mag.cia Vostra, non me dovesse servire caldamente, usarei più la rethorica, ma so ch'el non bisogna: che per esser la Mag.cia Vostra de la natura che è, serve voluntiera a tuti, e spetialmente a quelli che sonno soi in anima e in corpo, como son io.
A la Mag.cia Vostra mille volte mi racomando.
Mantue, 20 Decembris 1499
Antoni da Firrara se recomanda a la Vostra S.ria.
El vostro deditissimo
Baldesar da Castiglione ||

Al Magnificentissimo Cavaliero, a me fratello magiore honor. Godij


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Gonzaga, busta 2453, c. 338.