253. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Modena (MO), 6 ottobre 1512

Mag.ca ac Generosa Domina et Mater honor. [1] Io mi trovo qui in Modena, dove credo anchor star tutto domane, venuto a visitar per parte del D.ca mio S.re monsig.r Gurgensis, el qual se crede pur che habbia de andare a Roma.
[2] Qui M.a Constanza nostra sta molto di mala voglia, per un suo figliolo che sta per morire, et anchor el Co. Sigismundo non sta tropo bene. [3] Io scrissi l'altro dì la qui alligata a V. M. a ventura, per non havere messo. Hora li replicho pregandola se contenti, quanto più presto li occorre messo mandarmi trenta ducati d'oro, ch'io mi trovo senza un quatrino, per havere dispensato quelli ch'io havea dove erano designati.
[4] Appresso, M. Francescho da Gonzaga mi scrive de un cancelliero, Bertholameo Martello, e dice che V. M. me ne avisarà. Io ho grand.o bisogno de uno, però prego quella che mi avisi le condicioni di questo: di che età, e come scrive bene, e se sa lettere, et si è apariscente, e ciò ch'el vole, che essendo a proposito, io lo torrò molto voluntieri.
Alla M.V. sempre mi raco.do, et a tutti li nostri.
In Modena, a dì 6 de Octobre MDXIJ.
De V. M.
Ob. F.
B. C. ||

‹Mag.›ce ac Generose Dominae Aluisie de ‹Cas›tiliono, Matri sue honor.


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 255.