24. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Urbino (PU), 9 settembre 1504

Mag.ca ac generosa Domina et Mater honor. [1] Venendo Mastro Antonio mi è parso avisar la M.V. del nostro esser agionti tandem ad Urbino, per la Dio gratia sani e salvi, venerdì proximo passato, che fu a dì 6 del presente, cum grande alegrezza: che tutti desideràvemo hormai de venirli. [2] Quel poco che in questi tre dì havemo potuto fare, si è fatto, ciò è de metter ad ordine la casa: andarimo drieto cussì destramente. Maestro Antonio potrà informar la M.V. de nui.
[3] La S.ra Duchess. e M.a Emilia, se racomandano a la M.V. assai. Altro de novo qui non è: nui stiamo assai bene. Saprò ben voluntier io come vanno le cose nostre, e le nove di là. El mio pede pur megliora, ma a poco a poco. Non serò tropo longo in questa mia a la M.V. perché non so che dirgli. [4] A quella continue mi racomando. Prègola per el primo la mi mandi el panno biancho bello per un par de calce per me, che qui non se ne trova, e verde scuro per un par per Smiraldo. Vorei anchor che Hyeronimo mi mandasse le Stancie Volgari del Politiano.
A la M.V. mi racomando.
Urbini, 9 Septembris MDIIIJ.
Obe. Fi.
Bal. Castigl. ||

Mag.ce ac generosae Dominae Aluisiae de Castigliono, matri sue honor. Mantuae


Missiva autografa. Bergamo (BG), Biblioteca Civica Angelo Mai, Sezione Manoscritti, 67 R. 5.