231. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Urbino (PU), 2 agosto 1511

Mag.ca ac Generosa Domina et Mater hon. [1] La S.ra M.a Emilia, prega la M.V. che li voglia mandare due pezze de tela, da sette soldi el braccio, che sua sig.ria remetterà li danari. El modo de mandarla seria questo: che el sig.r D.ca nostro, aspetta certe arme da Mantua: se potria in su quel mulo, che portarà ditte arme. [2] E se la M.V. ne facesse dire una parola a Berardino Messaglia, el quale ha carco de mandare ditte arme, quando el mulo se partesse, lo avisaria a quella. E quando non se ne potesse mandare due pezze, almanco una la M.V. la mandi, se la pò.
A quella di novo mi rac.do.
In Urbino, a dì IJ de agosto MDXJ.
De V. M.
obe. f.
Bald.r Castilione ||

‹Mag.cae› ac Generosae Dominae Aluisiae de Castiliono, Matri suae hon.


Missiva non autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 230.