183. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

San Giovanni in Persiceto, dal campo (BO), 14 settembre 1510

Mag.ca ac generosa Domina et Mater honor. [1] Non ho vogliuto che questo messo venga senza mie lettere, per satisfatione de la M.V., acciò che la intenda come io e tutti li mei siamo per Dio gratia sani, né altro di novo havemo, circa le cose de la guerra. [2] Aspettiamo Nostro S.re, el quale heri (come intendemo) fu ad Arimino. Non potemo sperar se non bene, combattendo per la Chiesia, come faciamo.
[3] Perché quella cosa ch'io scrissi a V. M. circa el nostro fitto mi è molto a core, mi pare de replicarneli una parola, e pregarla che con ogni celerità quanto si pò, la voglia procurare de mettere insieme ditti denari, e per la via ch'io scrissi, o per altra, che para a proposito, remetterli in mano de chi li ha da havere. [4] Et havendo V. M. a respondermi circa questa materia, la mi responda cautamente, perché seria de qualche importantia, et io non voria ch'el se intendesse.
[5] Io scrivo la qui inclusa senza la data del dì, e senza soprascritto: quando la M.V. la manderà, farà l'uno e l'altro.
Altro non scriverò, se non che alla M.V. sempre di core mi raco.do, et a tutti li nostri.
In campo, a San Giohanni, a dì XIIIJ de Septembre MDX.
De V. M.
Ob. Fi.
B. Cast.

Mag.ce ac Generosae Dominae Aluisiae de Castiliono, Matri suae honor. Mantue


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 183.