18. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga, Francesco

Mantova (MN), 10 giugno 1504

Ill.mo et ex.mo Sig.r mio. [1] Heri hebi littera dal Sig.r Duca d'Urbino, ne la quale Sua S. me ricercha ch'io voglia, essendo di contento de la Ex.tia V. andar a li servitij suoi, promettendo farmi bon trattamento. E medemamente mi fa intendere haver scritto a la Ex.tia V. di questo.
[2] Io per esser a quella sempre servitore, né pensar ad altro che servirla et obedirla, non sono per far, né adesso, né mai, se non quanto per lei mi serà comandato. [3] Cussì starò aspettando de intendere la mente sua, per resolvermi, e respondere solo quello che sia de voluntà de Ex.tia V., a la quale devotamente sempre mi racomando.
Mantuae, X Iunij MDIIIJ.
Di Vostra Ex.tia
Fidelissimo Servitor
Baldesar Castiglione ||

A lo Ill.mo et Ex.mo Sig.r Marchese ‹di Ma›ntua, Sig.r mio honor. In Revere


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Gonzaga, busta 2463, c. 15.