134. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Urbino (PU), 9 agosto 1508

Mag.ca ac generosa Domina et Mater honor. [1] Ho recevuto da un mandato de lo Ill. S.r Giohanni nostro da Gonzagha, una de la M.V. del p.o del presente. Me piace assai che quelli denari de M. Thomasso Bonavoglio se siano hauti, perch'io ne stavo in qualche dubbio, perché so che quelli Sig.ri per essere liberalissimi, molte volte se ritrovano cum poca moneta. [2] Onde prego la M.V. che più presto che li accadde messo fidato, voglia mandarme ditti denari, perché non sono mei, ma de M.a Emilia, per una mula che Sua S. vendete al ditto M. Tomasso a nome de lo Ill. S.r Ludovico da Gonzagha, et io ne fui promessa.
[3] La lettera ch'io scrivea a M. Tomasso et a Bochalino, era per un cavallo, quale intendo che ha monsig.r R.mo vescovo, et io summamente desidero haverlo; e chi me ne dà speranza, si è che Sua S. cercha cavalchature belle, et aconcie per la persona sua. [4] Et io ho quello mio Ubino che mi donò la M.tà del re de Inghilterra, che è bellissimo e bonissimo. Vorei voluntier farne cambio, ma non vorei già dar gionta. De questo ne scrissi a Bochalino: vorei che la M.V. vedesse per la via sua ciò che se n'è operato, e pregarlo che per amor mio el voglia vedere che questo se ottenga. El tutto cum destrezza.
[5] Nui aspettiamo de dì in dì havere denari. Come li habbiamo, pensarò de venire in Lombardia et alhor piacendo a Dio parlerò a longo cum la M.V. De quelli parentati ch'ella mi scrive, facia lei quanto li pare: io tengo questo cum Med. per fatto. Così nostro S.r Dio lo facia esser felice.
[6] Li mei cavalli mi sa caro assai che stiano bene. A quella sempre mi racomando. Mi dole assai de M. Iacomo nostro: Dio li dia sanità, s'el si pò.
Di novo a la M.V. mi racomando.
Urbini, 9 Ag.ti MDVIIJº.
Lo Ill.mo S.r nostro partì de qui a' 7 per Milano; da quella strada venirà a Mantua.
De V. M.
Ob. F.
B. C. ||

Mag.cae ac generosae Dominae Aluisiae de Castiliono, Matri suae honor. Mantuae


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 122.